L’armonica cromatica permette – come abbiamo visto nel primo articolo – di suonare la melodia senza soffrire di nessuna mancanza nelle note e di suonare, quindi, in tutte le tonalit?.

La prima registrazione di armonica cromatica nel mondo vicino al Blues ? stata ?Hayseed Rag?, registrata nell?Agosto del 1924 dal The Dizzy Trio, con Borrah Minevitch all?armonica.

Minevitch suona una cromatica a 10 fori in ?regular tuning?: era infatti accordata con lo stesso layout di note di una diatonica. Questo gli permetteva di suonare degli accordi sull?accompagnamento e grazie all’assenza delle valvole, come spesso succedeva nelle armoniche cromatiche dell’epoca, Minevitch riusciva a suonare dei bending come su una diatonica!

 

 

Apriamo una parentesi veloce sulle ?valvole? dell?armonica: la cromatica (e recentemente anche alcuni modelli di diatoniche) monta delle strisce di un materiale plastico che coprono alcune ance. Queste striscie sono chiamate “valvole” (o windsavers in inglese). In origine erano fabbricate con della pelle e con gli anni sono state sostituite da questo materiale sintetico. Spesso le troviamo composte da due strati, di cui uno trasparente.

 

cromatica windsavers

 

Le valvole combattono i passaggi d?aria accidentali che possono formarsi tra le ance della cromatica, di solito molto pi? lunghe di quelle di una regolare diatonica, e la loro sede sul reedplate. Se a questo aggiungiamo il fatto che troviamo altre ?perdite? d?aria tra l?imboccatura e la parte scorrevole del registro (lo slide che spostiamo con il pulsante) della cromatica, ecco che capiamo come questo possa diventare uno strumento che ?sfiata? in maniera particolare.

La presenza di queste valvole rende lo strumento pi? efficiente: quando soffiamo la valvola chiude l?ancia aspirata e quando aspiriamo chiude l?ancia soffiata, prevenendo cos? le perdite d?aria e migliorando, al contempo, il timbro e il suono dello strumento rendendolo molto pi? ermetico, reattivo e molto pi? suonabile.

L?idea fu ?rubata? dalle fisarmoniche e introdotta sulle armoniche modificandone l?applicazione, fino a quella che troviamo oggi: tutte le ance sono ?valvolate?, tranne quelle pi? alte.

 

 

Tornando ad ?Hayseed Rag?, o meglio, a trent’anni dopo “Hayseed Rag”, troviamo la prima incisione di cromatica viene nel Blues. Non ci dovrebbe sorprendere che il primo a registrare la cromatica nel Blues sia stato Little Walter

 

chromatic walter.

 

Nel Luglio del 1953, il nostro Little Walter Jacobs, registra ?That?s It?, il suo debutto alla cromatica nel Blues.

Sfortunatamente non fu il miglior lavoro che fece. Come sentiamo passa dalla diatonica alla cromatica e sembra non ricordarsi in che tonalit? stia suonando: dal minuto 1:48, quando passa alla cromatica, pare essere abbastanza incerto su dove muoversi e stecca diverse volte. Il brano ? in DO e Walter usa una diatonica in Bb (in terza posizione) e?passa su una cromatica in DO (una Hohner 64 Chromonica, probabilmente) e, nonostante debba suonare in prima posizione, sembra concentrarsi principalmente sulle note aspirate con il tasto premuto, suonando quindi un tentativo di sesta posizione.

Il brano non fu pubblicato, all?epoca (per ovvie ragione), ma venne incluso nella raccolta “Blues With A Feeling: Chess Collectibles Vol 3” (MCA Chess CHD2-9357).

 

 

Pi? tardi, nella stessa sessione di registrazione, dimostr? molta pi? competenza nel brano “Fast Large One”, dove suona nella pi? comoda terza posizione: l?armonica cromatica in C suonata sul brano in D. Anche questo brano non fu pubblicato all?epoca, ma lo troviamo nella raccolta: “The Essential Little Walter” (MCA Chess CHD2-9342).

 

 

Queste registrazioni diedero il via ad un nuovo e magico modo di suonare Blues, quello sull?armonica cromatica che inizi? in maniera piuttosto elementare e intuitiva e che, con George ?Harmonica? Smith (e la sua ?Blues In The Dark? in primis che trovate nel primo articolo, insieme ad altri ascolti, o direttamente qui) inizi? a diventare sempre pi? sofisticata ed interessante, sfruttando anche il ruolo delle posizioni.

 

Sul prossimo articolo capiremo come applicare la logica delle posizioni tipica della diatonica anche sulla cromatica. Questo ci aiuter? nell’analisi dei brani che sar? pubblicata successivamente.

 

Alla prossima.